La casa cambia, in meglio

 

Nel 2023 l’acquisto di un’abitazione resta un obiettivo prioritario per gli italiani, ma siamo più consapevoli delle nostre reali necessità.

Il 2023 è appena cominciato e siamo già al lavoro per trasformare in realtà ciò che ci siamo augurati durante le festività. Come sempre la lista dei nostri desideri è molto lunga, ma secondo una ricerca svolta da Klarna, specializzata nei servizi bancari, pagamento e shopping, i cui risultati sono stati illustrati da Repubblica.it, al primo posto ci sono i viaggi: 4 italiani su 5 vorrebbero partire per raggiungere le mete preferite. Tra queste ci sono sicuramente quelle che si sposano meglio con l’esigenza di vivere un’esperienza a stretto contatto con la natura, lo dichiara il 61% degli intervistati. Ci sono poi coloro a cui va un po’ stretta la Terra e vorrebbero allargare i propri orizzonti facendo un giro nello spazio (23%) e chi invece resta sul nostro pianeta per raggiungere altri obiettivi non meno impegnativi: migliorare le proprie abilità culinarie o diventare atleticamente più performante, provando a cimentarsi in uno sport che non ha mai praticato prima.

Ma tra i dati più interessanti ce n’è uno che riguarda la casa; il 26% degli italiani (soprattutto gli adulti), vorrebbe acquistarne una; questa percentuale si lega, in parte, ad altre due: il 40% vuol risolvere un preciso bisogno e il 37% aprire nuove opportunità di vita.

La casa è ancora un “bene rifugio”

Gli ultimi anni, caratterizzati dalla pandemia e dalla crisi economica, hanno inevitabilmente influito sulla nostra quotidianità e sulle nostre priorità: da una parte desideriamo muoverci, viaggiare e apprezzare la bellezza della natura, ma quando torniamo a casa vogliamo vivere in un ambiente confortevole e sicuro.

Gli italiani hanno sempre destinato un interesse particolare nei confronti della casa. Come sappiamo nei decenni è diventata un vero e proprio bene rifugio“, che, nonostante tutte le problematiche economiche e finanziare sorte ultimamente, ha conservato questa preziosa caratteristica. È avvenuto anche nel periodo pandemico e, secondo gli indicatori, si confermerà in questo 2023.

Nel 2022 il 68% degli italiani ha passato più tempo in casa rispetto al 2019 (CasaDoxa 2022, Osservatorio nazionale sugli Italiani e la casa di BVA Doxa in partnership con FIMAA Milano, Lodi, Monza e Brianza), è un segno di quanto gli eventi abbiano influito sui comportamenti personali e collettivi. Sembrerebbe, al contrario di quanto si possa pensare, che tutto questo tempo sia stato utile per adottare uno stile di vita più virtuoso, in passato spesso solo teorizzato ed idealizzato, e che oggi, invece, riguarderebbe un po’ tutti. La sensibilità verso i temi del rispetto dell’ambiente e del risparmio energetico si traducono sempre più in gesti concreti e quotidiani: il 78% dichiara di spegnere le luci ogni volta che esce da una stanza (+18% rispetto al 2019); il 72% utilizza lavastoviglie e lavatrici solo quando sono a pieno carico (+24%); il 66% sceglie prodotti ad alta efficienza energetica (+21%) e il 57% tiene il riscaldamento al minimo (+34%). C’è, inoltre, una maggiore apertura nei confronti di soluzioni innovative per l’approvvigionamento energetico: 6 persone su 10 si dicono propense ad aderire ad una comunità energetica nel proprio condominio o nel quartiere, qualora questa si costituisse.

Casa in legno: lo spazio dell’innovazione, tra risparmio energetico e rispetto della natura

Questi dati sono particolarmente importanti, perché ci dicono che stiamo cambiando i nostri progetti di vita e ciò che facciamo in casa determina la qualità del nostro benessere. L’evoluzione abitativa trova nella casa in legno il luogo ideale per vivere al meglio, rispettando contemporaneamente le nostre esigenze e il mondo che ci circonda. L’incontro tra innovazione, risparmio energetico e integrazione ambientale avviene proprio qui, in un’abitazione che dalla natura trae i suoi punti di forza, per far rinascere un senso più profondo dell’abitare.

Uno dei tuoi desideri è costruire una casa nuova? La scelta è facile, perché la qualità è dietro l’angolo… di una casa in legno firmata Castellani.

Post Correlati

Dorica Legnami: 45 anni di storia

Dorica Legnami: 45 anni di storia

1977: Giuseppe Castellani fonda Dorica Legnami È il 1977 quando Giuseppe Castellani decide di iniziare una nuova fase della sua vita, entrando nel mondo dell’imprenditoria con una propria attività: comincia in quel preciso momento la storia di Dorica Legnami. È una...

leggi tutto